Google+ Badge

il mio profilo linkedin

il mio profilo linkedin
clicca qui

mercoledì 4 luglio 2012

VENDO GELATI E SOGNO VETERINARIA


Ciao a tutti! Sono una studentessa al quarto anno che vive a Bruxelles per realizzare il sogno più grande della mia vita: essere veterinaria!
E spero di poter portare un po’ di speranza raccontando la mia storia e dare forza a chi combatte in questo periodo cosi’ buio.

1O anni fà: un enorme colpo di “fortuna”. Mia mamma, maestra di scuola elementare, vince un concorso statale per dare dei corsi di lingua italiana in Francia. Ed io sono partita con lei.
A 19 anni: diploma di maturità scientifica a Lille, trilingue, pronta per cominciare gli studi che tanto desideravo.

Prima difficoltà: studi molto lunghi e selettivi: dopo due anni di scuola «preparatoria», si passa il concorso nazionale per entrare all’università di veterinaria (minimo 4 anni). Solo il 23% degli iscritti al concorso sono ammessi all’università.
Dubbi: sono all’altezza? Sono pronta a sprecare molto probabilmente 2 anni di studi preparatori? Forse troppo rischioso. Non voglio perdere tempo.

Seconda difficoltà: il concorso è a pagamento e per quanto riguarda le tasse universitarie si parla di alcuni milioni di euro all’anno… impossibile per me.
Nessuna intenzione di mollare: dopo varie ricerche una via si apre : in Belgio nessun anno di preparazione, nessun concorso, entrata diretta all’università e le tasse universitarie annuali si elevano per me a 350 euro!!
Sono contenta di avere la possibilità di studiare, ma il numero d’iscritti stranieri è limitato. Visto il numero di candidati esorbitante tirano a sorteggio i futuri fortunati.

Tento comunque. La fortuna non è mai stata il mio forte.
Non importa mi dico, al massimo comincierò degli studi di biologia in Francia sperando nell’anno successivo. Ed ebbi ragione.

Per ora vivo con quel minimo indispensabile fornito soprattutto da mia madre ma le tasse, i libri, tutto il materiale universitario sono spese elevate. Tutto l’anno scolastico l’università mi occupa il 90% della mia vita. L’estate ritorno in Italia per vedere la mia famglia. Sembrerebbe che i giovani siano pieni di energie e non importa che io sia ormai esaurita: cerco un lavoro stagionale.

Sento delle voci che dopo il terzo anno di veterinaria si puo’ già lavorare in clinica ed avere uno stipendio, troppo bello! Incomincio a raccogliere allora informazioni riguardanti l’Italia per l’estate: anni fà esisteva una formazione d’infermiera veterinaria (equivalente a 3 anni di medicina veterinaria). Iuppi quello che fà per me!! Ecco una delle tante formazioni fantasma: non si sà dove, ne quanto dura, ne quanto si paga. 

Nessuna precisione, tutto molto vago. Sembra top secret neanche stessi cercando delle informazioni di alta sicurezza. Dopo ore e ore di ricerca leggo in fine: sembrerebbe che questa formazione è stata ormai soppressa.
Già perché pagare una formazione se gli studenti veterinari sono pronti ad esser sfruttati a qualsiasi ora e qualsiasi giorno gratuitamente? Anzi siamo persino contenti.

I professori insistono sull’importanza di fare esperienza e stages negli ambulatori veterinari durante i nostri studi. Io studio 10 mesi l’anno non stop, l’università mi occupa 90% della mia vita, e i 2 mesi restanti lavoro. Penso che l’esperienza me la farò dopo il diploma.

Comunque per ora: sono italiana, studio veterinaria in Belgio, vendo gelati e sono decisa a fare il lavoro che aspiro. 

0 commenti: